Ergoterapia in geriatria

blank
Relazioni Agite e Ristrutturanti. Inconscio e proiezioni a due
7 Aprile 2020
blank
Ergoterapia e disturbi d´ansia
27 Ottobre 2020
blank

Ergoterapia per le persone anziane:

L´ergoterapista in ambito geriatrico è al servizio delle persone che presentano sintomatologie acute o croniche dovute a:

  • – disturbi del sistema nervoso centrale (morbo di Parkinson, malattia di
  • Alzheimer, infarto cerebrovascolare, sclerosi multipla, malattie
  • degenerative, ecc…)
  • – lesioni del sistema scheletrico e muscolare
  • – lesioni degli arti superiori e inferiori, amputazioni
  • – malattie reumatiche
  • – malattie psico-geriatriche
  • – sintomatologie depressive e depressioni
  • polimorbidità

L´ergoterapista è un professionista sanitario e sociale che si occupa della riabilitazione, della promozione della salute e della prevenzione attraverso l´occupazione. Cerca di trovare delle alternative e delle soluzioni insieme alla persona per rendere la vita più significativa, emozionante e funzionale ai desideri della persona stessa.

L´ergoterapia in geriatria, di cosa si occupa?

  • – Aiuta le persone a rimanere indipendenti il più a lungo possibile
  • – Promuove la salute
  • – Aiuta a migliorare la qualità di vita a persone anziane con deterioramento cognitivo progressivo e con altre patologie o difficoltà
  • – Riconosce e supporta il ruolo sociale delle persone che invecchiano
  • – Aiuta le persone che prestano assistenza alla persona anziana
  • – Agisce nel contesto più ecologico possibile e pertanto nel nostro caso in modo preponderante a domicilio e negli ambienti di vita della persona

Risultati dopo la terapia:

Per il paziente:

  • Miglior capacitá nelle attività della vita quotidiana
  • Migliora il tono dell´umore
  • Migliora la qualità della vita
  • Migliorano le condizioni di salute percepite

 

Per le persone che si occupano della persona con difficoltà:

  • Migliora il tono dell´umore
  • La percezione dello stress è minore
  • Aumenta il senso di competenza
  • Migliora il senso di controllo e della gestione della situazione
  • Migliora la qualità della vita 
  • Migliorano le condizioni di salute percepite
  • Come si svolge:

Inizialmente viene fatta una valutazione e osservazione clinica della situazione raccogliendo tutti i dati necessari. È importante la presenza del cargiver che è coinvolto e partecipe nel percorso terapeutico. Viene valutata anche la motivazione del paziente e della persona che se ne occupa. Da non trascurare è sicuramente il desiderio di intraprendere il percorso, solo con la sua manifestazione si inizia con la terapia e la pianificazione di un contratto terapeutico stilando gli obiettivi desiderati da raggiungere.

Vengono proposti diversi metodi a dipendenza degl´obbiettivi e desideri della persona.

Gli obiettivi riguardano sopratutto:

  • Il mantenimento delle funzioni residue,
  • Il miglioramento delle strategie applicate per far fronte alle proprie necessità
  • Il mantenimento delle attività e la partecipazione a tutte le attività della propria vita quotidiana
  • il miglioramento della qualità di vita e della partecipazione, 
  • riuscire a convivere nel miglior modo possibile con le conseguenze della malattia e delle difficoltà che essa comporta, 
  •  riuscire a partecipare per il massimo possibile nelle attività quotidiana significative nel proprio ambiente.

Al fine di raggiungere tutto questo vengono proposte strategie compensatorie efficaci, nuove strategie, adattamenti dell´ambiente domestico, sociale e famigliare.

Lavorare a domicilio significa agire direttamente nel contesto quotidiano della persona dove ha tutte le sue conoscenze e possibilità guidate dai propri interessi e necessità. In questo modo escludiamo il disorinetamtno di un ambiente nuovo oltre a poter incontrare la persona nella sua autenticità intima con tutto il suo potenziale che spesso in una struttura non sempre può emergere in maniera il più completa possibile.

Per concludere vorrei sottolineare che prima di percorrere qualsiasi cambiamento nella propria vita occorre anche cambiare la propria mente pertanto senza questa disponibilità e apertura occorre iniziare a lavorare da questo punto un passo alla volta. 

Possono esserci delle resistenze ai cambiamenti e delle difficoltà ad accettare nuove modalità esistenziali. L´aproccio proposto tiene conto della singolarità di ogni persona e dei suoi tempi. Rispettando sempre i limiti e i desideri andando con cautela e perseveranza certo le situazioni desiderate con il massimo sostegno possibile.